Gennaro Esposito

Alza la Testa

Napoli Holding: il controllato che controlla il controllore

comuneOggi (25.03.2014) in Consiglio Comunale sono intervenuto per denunciare un fatto che a mio avviso è gravissimo poiché toglie dignità al Consiglio ed ai Consiglieri. Qualche mese fa, infatti, censuravo la nomina del sindaco di un suo fedelissimo alla Napoli Holding (clikka), ebbene ieri, che c’è stata la celebrazione delle commissioni per eleggere i presidenti ed oggi che c’era all’ODG la elezione del vicepresidente del consiglio, è stato presente, ed ha svolto un ruolo di primo piano, di “mediatore” verso i consiglieri di maggioranza e di delegato alla trattativa con i consiglieri di centrodestra,  il nominato amministratore unico della Napoli Holding. Tale comportamento, a mio avviso ha creato un grosso vulnus, sia agli elementari principi di democrazia, sia al principio di indipendenza e di imparzialità degli organi amministrativi rispetto a quelli delle società partecipate. In sostanza colui che è per legge e per regolamento il primo ad essere soggetto al controllo del Consiglio Comunale e della commissione mobilità ed infrastrutture competente, ha svolto assolutamente inopportuno e credo anche illegittimo non potendosi intromettere in una dinamica tutta interna al consiglio comunale. Ovviamente questo grave fatto non l’ho notato solo io ma, sin da ieri, molti altri consiglieri a mezza bocca me lo facevano notare, pertanto, oggi in Consiglio ho voluto dire pubblicamente ciò che molti hanno notato ed hanno pensato affinché il palazzo del potere sia veramente la casa di vetro tanto sbandierata dal sindaco in campagna elettorale. E’ chiaro che il mio intervento è stato isolato, c’erano dei consiglieri che non sapevano dove guardare e, pertanto, ancor di più sento il bisogno di condividerlo affinché su queste pratiche i responsabili riflettano anche se, parlando con un assessore, a questi sembrava assolutamente normale che un amministratore unico di una società partecipata interloquisse con i consiglieri circa la designazione dei 12 presidenti delle commissioni che, poi, avrebbero dovuto controllarlo ed evidentemente è per questo motivo che il controllato nonostante il mio intervento non ha neppure accennato ad alzare i tacchi dal Consiglio Comunale di oggi dovendo ovviamente garantire ancora una volta la “mediazione” nella votazione del vicepresidente del consiglio comunale. Ovviamente ognuno rimane della sua opinione ma io nella distinzione formale e sostanziale dei ruoli ci credo ancora nonostante 20 anni di berlusconismo, peccato che l’assessore che ha tentato di difendere l’indifendibile fosse uno che ama qualificarsi di sinistra. Mi sorge il dubbio che forse a sbagliare sia io …

Ecco il mio intervento al 28:42

3 commenti su “Napoli Holding: il controllato che controlla il controllore

  1. eugenio
    25 marzo 2014

    i consigli comunali, regionali,circoscrizionali sono associazioni a delinguere, si devono scogliere.

    Mi piace

  2. antonio
    25 marzo 2014

    Ma quale sinistra, sono solo opportunisti legati al potere ed alla poltrona. Purtroppo non impareranno mai. Non sono per Grillo ma ha ragiome di non condividere niente e che l
    Unico progetto e quello di spazzarli Via. Speriamo presto e ricominciare da capo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: