Gennaro Esposito

Alza la Testa

Napoli e la rivoluzione dei trasporti

atan3371mkaiOggi (09.07.2013) in commissione abbiamo trattato la delibera (clikka) che prevede l’accorpamento delle società partecipate della mobilità ANM, Napolipark e Metronapoli per creare una holding dei trasporti. Ho ascoltato i buoni propositi e ne ho colto la bontà manifestando la necessità di verificare e studiare il piano industriale. Nel mio intervento ho detto che di tutta la vicenda quello che a noi di Ricostruzione Democratica pesa è la vendita del 40% della partecipazione del trasporto pubblico locale manifestando la disponibilità a ragionare sul fatto che se proprio si deve vendere il 40%,  anziché cercare un socio unico forte, noi avremmo preferito tentare la strada dell’azionariato diffuso facendo semmai entrare i lavoratori ed i cittadini nella proprietà e diluendo, quindi, i rischi di posizioni dominanti. Ovviamente ciò lo dichiarato sulla scorta di quanto noi abbiamo affermato in campagna elettorale sui beni comuni e sulla partecipazione popolare e che questa sarebbe una cosa su cui riflettere.  Ho chiesto della possibilità di inserire nella governance della holding i lavoratori (come accade in altri paesi) cercando così di instillare nei dipendenti un senso di appartenenza che ormai in molti è smarrito. La cosa che mi ha colpito è stata la risatina di un giornalista che giustamente ha pensato che se i napoletani non pagano il biglietto figuriamoci se si acquistano qualche azione. Effettivamente è una constatazione amara e ci fa capire quale è il metro su cui noi misuriamo tutto. Un metro che si potrebbe ridurre forse a qualche centimetro.

Ma questa non doveva essere l’amministrazione della rivoluzione? Non avevamo noi il compito di capovolgere i vecchi schemi? De Magistris non è stato scelto perché era un diversamente politico?

Noi di Ricostruzione Democratica ci vogliamo ancora credere, del resto se i napoletani non avessero avuto voglia di cambiare noi non saremmo stati in consiglio. Forse la nostra funzione è quella di credere che cambiare si può o solo testimoniare che i napoletani hanno creduto che cambiare si poteva. Per chiarezza ho chiesto anche quanto le società avessero speso per perizie e consulenze per gli accorpamenti e mi è stato riferito che non è stato speso nulla essendo sufficiente la certificazione del bilancio da parte della società di revisione. Meno male.

Di seguito Vi allego Tutti i documenti relativi al piano industriale. Io non ho competenze specifiche e pertanto Vi sarei molto grato se, qualche cittadino di buona volontà, mi facesse pervenire qualche impressione. Buono studio.

00. Piano Industriale 25_06_2013 ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 ALLEGATO 4 – PARTE 1 ALLEGATO 4 – PARTE 2 ALLEGATO 5

2 commenti su “Napoli e la rivoluzione dei trasporti

  1. Nello Margiotta
    10 luglio 2013

    la prima considerazone è sulla contraddittorietà dell’assunto che bisogna ragionare su un piano di area metropolitana e poi ci si limita a giocare con le analisi in scala urbana ( meno del 10% di area e 1/4 di popolazione) con l’accorpamento di due sole società partecipate, senza tener conto della complessità del problema trasporti e trascurando la necessità di accorpare anche tutte le strutture EAV (cumana , circum flegrea, circum vesuviana, che costituivano le M dal 2 al 6 del vecchio piano e la metrocampania che serve l’ area nord. La cartina riferita al 2016 è invece vecchia perchè il tracciato M1, per esempio, finisce a Dante. Si parla di prolungare il tram fino a Sannazzaro ma non si dice come essendo in contraddizione con la chiusura totale del lungomare. Le stazioni di Monte s.Angelo e Parco S. Paolo della bretella , non vengono prese in considerazione; il prolungamento a Bagnoli della linea 6 neanche. Si parla di holding, ma il piano economico è ascarno e quello politico , di una struttura BENE COMUNE, assente

    Mi piace

  2. Augusto Crespi
    10 luglio 2013

    mai dimenticando che il piano lo fa la sig.ra Donati…….

    l’ennesima presa in giro ed ennesima consulenza……..oppure lavora gratis anche lei?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 luglio 2013 da in Napoli con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: