Gennaro Esposito

Alza la Testa

La Corte dei Conti Bacchetta il Comune di Napoli

corte dei contiDiciamo che il titolo è riduttivo rispetto al contenuto della delibera n. 13 del 01.03 u.s. della Corte dei Conti Sez.ne Controllo (clikka)  sul rendiconto Consuntivo del Comune di Napoli del 2013 (clikka) che mi è stata notificata stamane. Ovviamente già all’epoca della discussione del rendiconto in parola ebbi modo di spiegare alcuni aspetti che non avevo ben compreso, ovvero che mi sembravano critici, indicandoli nel mio intervento in consiglio comunale (clikka).

A quanti oggi pesano di occupare uno scranno nella prossima consiliatura consiglio la lettura di questi documenti al fine di ben comprendere qual è il peso ed il lavoro che occorre svolgere e quali sono le competenze necessarie per poter affrontare al meglio una sfida così importante.

Tutti pensano che per amministrare una città come Napoli ci vogliano doti “pindariche” ed, invece, io sono fermamente convinto che occorre stare con i piedi per terra avere sempre il beneficio del dubbio ed essere consapevoli che si ha a che fare con una macchina che non la si governa facilmente tutt’altro. Nella lettura del documento della Corte dei Conti mi hanno impressionato i continui richiami alla scarsa collaborazione degli uffici del comune. Come dico sempre anche in consiglio comunale abbiamo una burocrazia che non è all’altezza della Città qualunque sia il colore del governo e chiunque sia il Sindaco. Per farvi comprendere di che parlo basta pensare che la Corte nel documento che Vi ho sottoposto ad un certo punto dice che l’atto presentato dal comune come memoria era privo di numero di protocollo (e passi), privo di logo (e passi) ma addirittura era privo di firma e pertanto giuridicamente inesistente!!! Ebbene, credo che una cosa del genere dovrebbe costare il posto di qualcuno, come accadrebbe in ogni parte del modo occidentale! Vorrei, infatti, passare su una dimenticanza ma la Corte nelle sue 120 pagine ha richiamato decine di volte il comune per le risposte non appaganti, parziali, ovvero tal volta assolutamente assenti. Mi fermo qua altrimenti poi non mi leggete la importante delibera. Anzi a quelli che si vogliono candidare li prego di condurre un test: Se arrivate a leggere fino all’ultima pagina allora potete anche candidarvi altrimenti astenetevi Napoli non ha bisogno né di improvvisati ne di improvvisazioni … In bocca al lupo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 marzo 2016 da in Le notizie con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: