Gennaro Esposito

Alza la Testa

Lo sperpero dei soldi pubblici di Caldoro

caldoro.delaurentiisMilioni di euro che a metterli insieme si potrebbero fare tantissime cose. Basterebbe solo avere un po’ di senso pratico e della realtà cose che, purtroppo, alla maggior parte dei politici che contano, manca perché vivono una “realtà separata”, edulcorata dalle loro poltrone d’oro e dalla mancanza del contatto con i problemi veri della gente comune. Così capita che caldoro finanzi con 600 mila euro il concerto di capodanno, con il precipuo scopo di fare uno spot ai prodotti della terra dei fuochi che non è una terra dei fuochi ma una “terra dei suoni e dei cuori” come dice dal palco gigi d’alessio. Uno spot che si ritorce contro ed indigna le mamme che hanno perso i loro figli a causa di tumori. Poi ci sono i 4 milioni e mezzo dati alle società sportive, di cui 3 milioni e mezzo al patron del Napoli Aurelio De Laurentiis (clikka) sempre per fare una campagna pubblicitaria sui prodotti della terra dei fuochi.

Poi ci sono i 200 mila euro che oggi leggo caldoro ha dato al Cardinale Sepe (clikka) per la visita del Papa che ha fatto indignare finanche Don Gennaro Matino.

Poi ci sono i regali che Caldoro fa al Cardinale ogni anno per milioni di euro  tra cui spiccano i 2 milioni e mezzo del 2012 (clikka).

Poi ci sono i regali che caldoro fa alle associazioni che nel 2012 sono stati 1 milione e 600 mila euro (clikka).

Non ce la faccio più! Sono indignato sono arrabbiato!

Questa è gente che deve scomparire, che i media  dovrebbero cancellare dalle loro programmazioni. In un momento di crisi il problema più serio è lo sperpero del denaro pubblico, gente che non ha neppure idea di quale è il tenore di vita di una famiglia operaia  che abita in una casa popolare e che non arriva a fine mese, per non parlare dei senza lavoro e senza dignità che finiscono per vivere ai limiti della legalità ed anche oltre!

Questa è gente che dovrebbe vergognarsi prima di far fare uno spot sui prodotti della terra dei fuochi finendo per negare l’esistenza del problema, prima ancora di aver provveduto a fare la individuazione delle aree inquinate e prima ancora di aver verificato il vero impatto che c’è tra l’inquinamento ed i malati di tumore di quelle aree, finendo per mortificare ed umiliare coloro che hanno prossimi congiunti, bambini, mariti, padri, madri, sorelle e fratelli morti di cancro nella terra dei fuochi.

Questa è gente che non dovrebbe neppure avere la possibilità di occuparsi del bene pubblico figuriamoci di toccare anche solo un euro del danaro pubblico!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 gennaio 2015 da in Napoli con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: