Gennaro Esposito

Alza la Testa

L’agenda del nuovo Parlamento: Il disastro dei comuni

400px-Parlamento_Italiano_Giuramento_di_Giovanni_LeoneLa politica fine a se stessa: sono convinto che ai cittadini italiani che lavorano e fanno fatica ad arrivare alla fine del mese, a quelli che hanno problemi di lavoro, a quelli che hanno necessità di cure mediche che lo stato non eroga più, insomma, alla maggior parte degli italiani, non interessa nulla chi sia il presidente della camera, quello del senato, quello del consiglio, quello della repu…bblica: Insomma la politica di apparato non serve ai cittadini. Oggi, tra le altre cose, ho detto questo alla manifestazione in consiglio comunale circa le difficoltà degli enti locali dovute ai buchi di bilancio che ridurranno i comuni disastrati a funzionare solo come anagrafe e basta. Tutto questo è il frutto dell’attacco della finanza astratta ai beni ed ai servizi pubblici! Lo capiranno mai i nuovi e vecchi parlamentari che siedono nella massima assemblea elettiva della repubblica italiana ed i politici o pseudotali che pretendono di telecomandare i parlamentari … Non c’è più tempo e queste elezioni credo l’hanno dimostrato.

Ecco il video del mio intervento di stamane (19.03.2013) al Consiglio Comunale di protesta:

e l’articolo su Napolionline
http://www.napolionline.org/2013/03/19/niente-soldi-da-roma-sciopero-della-fame-e-consiglio-occupato-da-maggioranza-e-opposizione/

Un commento su “L’agenda del nuovo Parlamento: Il disastro dei comuni

  1. Sveva
    19 marzo 2013

    E allora grazie a nome di una cittadina. FINALMENTE
    tutti insieme per il bene della città

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 marzo 2013 da in Napoli con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: