Gennaro Esposito

Alza la Testa

Piscine Comunali una battuta d’arresto

secondigliano1Stamane (4.12.2012) in Commissione Sport abbiamo trattato ancora una volta il tema degli impianti natatori, di cui al mio precedente post (https://gennaroespositoblog.com/2012/07/24/piscine-la-nuova-regolamentazione/). Poiché in commissione mi erano state segnalate delle incongruenze tra quanto risultava nelle schede tecniche allegate alla delibera 501/2012 e lo stato dei luoghi ho, ritenuto necessario eseguire sette sopralluoghi sulle sette piscine, all’esito dei quali abbiamo ritenuto che non era possibile andare avanti con il bando e l’assegnazione, ma occorreva modificare la delibera 501/2012 poiché non descriveva nel suo complesso dettagliatamente le strutture che nella realtà sono molto più complesse avendo alcune oltre alle vasche anche palestre e campetti. Ho, infatti, constatato che tra le sette piscine ci sono tre strutture l’acqua chiara al frullone, la Poerio al Corso Vittorio Emanuele e quella al Corso Secondigliano che hanno una capacità di reddito assolutamente superiore alle altre ed i valori espressi nelle schede non facevano giustizia di tale differenza. Ho poi constatato che dal 2002 al 2008 il Comune di Napoli ha speso anche somme importanti per le manutenzioni delle piscine giungendo a spendere: 1) 539.000 €. per la Poerio; 2) 270.000,00 €. per l’Acqua Chiara; 3) €. 357.000 per quella in via delle repubbliche marinare; 4) 132.000,00 €. per la Monfalcone; 5) €. 98.000,00 per quella al Corso Secondigliano; 6) €. 99.000,00 per quella di Via Labriola (nella 167); 7) €. 0,00 per quella di via P. Giurleo. Ho anche constatato, purtroppo, che in alcune piscine i prezzi per l’accesso sono assolutamente quelli di mercato mentre i canoni di concessione sono assolutamente irrisori aggirandosi intorno ai 10.000 €.  all’anno per ogni struttura. Inoltre, dalla destinazione “geografica” delle manutenzioni mi sembrerebbe di capire anche in quale “direzione” sia andata la precedente amministrazione che ha finito per finanziare la manutenzione delle piscine più “importanti”. Spero che con la prossima assegnazione si giungerà a creare un maggior equilibrio ed a tutelare meglio il bene e l’interesse pubblico. Oggi il Comune più che negli altri anni deve agire con maggiore perizia e diligenza non ci possiamo permettere di sbagliare, nella crisi le discriminazioni si fanno sentire di più e sono maggiormente odiose, gli amministratori pubblici hanno il dovere di dare conto ai cittadini di ogni euro speso o non guadagnato. Non ci possono essere privilegi né di casta né dovuti a condizioni consolidate. Il compito degli amministratori deve essere quello di spezzare le catene che hanno imbrigliato l’azione amministrativa napoletana per indirizzarla solo ed esclusivamente verso il perseguimento del bene e dell’interesse pubblico, sempre e comunque, questo deve essere l’unico obiettivo di una politica non autoreferenziale ma volta all’amministrazione della cosa pubblica. Speriamo di riuscirci.

Di seguito un reportage fotografico delle piscine:

acquachaira1

acquachiaraacquachiara2acquachiara3acquachiara4acquachiara5acquachiara6giurleogiurleo1giurleo2giurleo3giurleo4giurleo5labriaola1labriola2labriola3labriola4labriola5labriola6marinaremarinare1marinare2marinare3marinare4monfalconemonfalcone1monfalcone2monfalcone3monfalcone4monfalcone5poeriopoerio1poerio3poerio4poerio5poerio6secondiglianosecondigliano1secondigliano2secondigliano3secondigliano4secondigliano5secondigliano6secondigliano7

11 commenti su “Piscine Comunali una battuta d’arresto

  1. ORLANDO MARIANO
    4 dicembre 2012

    PERCHE’ IN ALCUNE ZONE DOVE CI SONO FAMIGLI CON GRANDI PROBLEMI ECONOMICI NON GLI VENGA CONCESSO L’ENTRATA GRATIS,OPPURE IN BASE AL REDDITO,SI PROTEBBE EVITARE CHE I RAGAZZI RESTINO PER STRADA E GLI VENGA FATTO CAPIRE IL GIOCO DI SQUADRA.

    Mi piace

  2. Mirella Scala
    4 dicembre 2012

    Sono veramente stufa di leggere tutte queste storie sui beni comuni e sulle necessità di chi ha bisogno. Come mi spiega che il Liceo Fonseca – che ne ha davvero bisogno e svolge una funzione di pubblica utilità e da tutti ritenuta una delle più importanti – non riesca ad ottenere dal Comune l’assegnazione dei locali contigui a via Ventaglieri ?
    Forse che esistono ‘beni più comuni’ e ‘beni meno comuni’?
    Sarebbe veramente deprecabile un comportamento che ricorda quello dei rivoluzionari francesi nel noto adagio napoletano ‘liberté, egalité, fraterinité’ …

    Mi piace

  3. beatrice carrillo
    5 dicembre 2012

    Dubito fortemente che i nostri amministratori conoscano l’idea di bene comune, comunque ti ringrazio sempre per quello che fai e per come sei:mi fai sentire meno sola.
    Beatrice

    Mi piace

  4. alfredo
    7 dicembre 2012

    Avete analizzato i tipi di interventi fatti presso le strutture dal Comune?
    Le spese non corrispondono a quanto fatto e i dettagli sono fasulli

    Mi piace

  5. alfredo
    7 dicembre 2012

    Garantito

    Mi piace

  6. alfredo
    7 dicembre 2012

    Avete analizzato i costi di manutenzione straordinaria sostenuti dagli affidatari ?

    Mi piace

  7. alfredo
    7 dicembre 2012

    Quelli documentati fializzati agli adeguamenti normativi ?

    Mi piace

  8. Alfredo
    16 dicembre 2012

    Non risponde nessuno in questo blog?
    Che fine faranno le piscine ed i nuotatori fino a quando non saranno rifatte le schede tecniche, le delibere, il bando e l’assegnazione?

    Mi piace

    • gennaro esposito
      16 dicembre 2012

      In seguito ad una audizione avuta con il presidente del CONI Provinciale e con il Presidente della FIN regionale in commissione al Comune di Napoli abbiamo raccomandato di proseguire con le attività facendo subentrare temporaneamente le federazioni. Ora vedremo quali saranno le determinazioni dell’amministrazione che credo debba gioco forza aderire a questa o ad un’altra soluzione simile

      Mi piace

      • Alfredo
        18 dicembre 2012

        Salve, nessuna novità?
        Dal mese di maggio che viviamo la situazione con ansia quotidiana, non discuto sulle colpe o sulle cause spero solo che prevalga il buonsenso, rappresento un gruppo di lavoratori contagiati da questa problematica, grazie

        Mi piace

      • gennaro esposito
        19 dicembre 2012

        Comprendo l’apprensione. La mia preoccupazione è quella di fare in modo che il tutto vada per il meglio tenuto conto che la questione è molto delicata perché siamo ad un passaggio epocale per l’impiantistica sportiva

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 dicembre 2012 da in Napoli con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: