Gennaro Esposito

Alza la Testa

Tra lidi e concessioni il mare non bagna Napoli

posillipoAl “Mattino di Napoli” va il merito di sollevare, in solitaria ed ogni anno, il problema del rispetto della legge da parte dei titolari dei lidi balneari.

Già nel 2012 (clikka) il medesimo giornale sollevò la questione che notai. Quest’anno ancora una volta si affronta l’argomento anche se si fa il pelo ai lidi posillipini sull’accesso libero al mare, senza però chiedere quanto gli stessi pagano di concessione demaniale. Su questo fronte è il caso di osservare che gli stessi lidi oltre ad offrire lettino ed ombrellone offrono anche  servizi di ristorazione facendo, quindi, concorrenza a chi il ristorante nella stessa zona l’affitta per tutto l’anno a costi assolutamente stratosferici, mentre le concessioni il più delle volte vengono assegnate senza un vero e proprio bando pubblico sempre alle stesse persone ed a quattro lire.

Ricordo che gli amici di una Spiaggia per Tutti qualche tempo fa tentarono di accedere al mare senza riuscirci tanto è vero che gli stessi titolari dei lidi, ricordo, chiamarono le forze dell’ordine e questi anziché difendere il sacrosanto diritto di farsi un bagno finirono per difendere i concessionari. Ebbene, dopo questo palese sopruso commesso dalle forze dell’ordine mai nessuno, in primis prefetto e questore, pare abbia adottato alcun provvedimento disciplinare nei confronti di una azione tanto “singolare” che sicuramente avrà avuto un capo.

Siamo in Italia anzi, peggio, siamo a Napoli dove il diritto somiglia più al rovescio …Buon bagno

L’unica cosa buona che trovo nell’articolo in calce è che il Bagno Elena pare si sia adeguata alla legge nazionale.

Da il Mattino di Napoli del 12.08.2014

Melina Chiapparino.

Battigia libera? Così i balneatori «aggirano» la legge

Battigia libera? Così i balneatori «aggirano» la legge La norma: transito gratuito attraverso gli stabilimenti privati. Ma in città la «tassa» è la regola. La legge c’è ma quando si tratta di rispettarla, abbondano le interpretazioni ed ognuno applica la norma a modo suo. E’ questa la confusione che regna a Napoli dove, nei lidi privati, non tutti i regolamenti concedono il passaggio ai bagnanti che intendono solo attraversare la proprietà per giungere alla battigia, come invece è previsto per legge. «Per attraversare il nostro lido occorre comunque pagare il biglietto di ingresso in quanto si entra in una proprietà privata – spiega un membro dello staff del Bagno Ideal in via Posillipo – chi desidera attraversare la striscia antistante il mare deve accedere dalla spiaggia pubblica che precede i lidi privati, in caso contrario il nostro biglietto costa 10 euro nei quali è compreso il lettino -. All’Ideal imposti i 10 euro dell’ingresso. Al Bagno Elena si paga l’ombrellone non il passaggio no, gli stessi che vanno pagati per chi vuole in qualche modo attraversare solo il demanio privato». Se la normativa, affermata dall’articolo 11 della legge 217/2011, spiega chiaramente che i concessionari devono garantire «il diritto libero e gratuito di accesso e di fruizione della battigia, anche ai fini della balneazione», nella pratica l’applicazione della norma lascia a desiderare e spesso è soggetta alla volontà dei gestori dei lidi. «Ad orario di chiusura, passate le 17.30 possiamo anche concedere il passaggio attraverso il lido – continua un impiegato del Bagno Ideal – ma è una concessione che facciamo in via informale perché nel momento in cui si entra in questa proprietà privata bisogna pagare il biglietto, queste sono le direttive che dobbiamo applicare». Non tutti però sono così inflessibili quando si tratta di un semplice passaggio per camminare sul bagnasciuga. «Non facciamo assolutamente problemi ai visitatori che vogliono raggiungere la battigia entrando dal nostro lido – dicono dal team del Bagno Elena – molti bagnanti chiedono di passare per raggiungere dalla spiaggia il Palazzo Donn’Anna e, secondo quanto dicono le norme, non vietiamo di fare il bagno a chi è di passaggio. Però non consentiamo di sostare nei pressi della riva, ne di poggiare i teli altrimenti si snaturerebbe la natura del lido privato». In realtà il principio del articolo 11, stabilito dalla Legge Finanziaria del 2007, sancisce anche la necessità di un percorso libero all’interno del lido per consentire il passaggio di chi voglia solo raggiungere il bagnasciuga, passaggio che non è presente su alcun lido privato nella zona di Posillipo, ne di Marechiaro. Anche nel caso di Bagno Sirena, a Posillipo, il passaggio per il bagnasciuga è consentito come fosse un favore «perché di regola si dovrebbero pagare 10 euro». Una gestione forse dovuta anche all’interpretabilità della legge che accenna alla possibilità di balneazione senza fornire ulteriori dettagli a riguardo. «Non è consentito nessun passaggio all’interno della nostra area privata – spiega un ragazzo dell’equipe di Villa Imperiale a Marechiaro – chiunque voglia accedere deve comunque pagare il biglietto, a partire da 22 euro, inoltre la nostra area non è un semplice lido ma è un demanio attrezzato con ristorante, bar piscina e ovviamente la discesa a mare. Ci sono gli scoglioni alla fine della discesa di Marechiaro per chi voglia accedere al mare pubblicamente». Il Bagno Elena È tra i lidi privati che garantisce l’accesso ai tratti liberi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 agosto 2014 da in Napoli con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: