Gennaro Esposito

Sursum Corda

Napoli come uscire Fuori dal Tunnel

E’ difficile non essere d’accordo con l’analisi di Giuseppe De Mita in una intervista oggi su “Il Mattino di Napoli”. Concordo sul fatto che il tavolo del PD, per come sta procedendo, potrebbe naufragare di qui a poco, schiacciato dalla presenza di Bassolino da un lato e De Luca dall’altro, ovvero, partorire un frutto amaro per la Città. Come si fa non capire questa semplice circostanza. Inoltre, siamo in una fase in cui i l’abbraccio con i 5stelle potrebbe essere mortale. Questi ultimi alla fine si immedesimano nel “ministroadognicosto” Di Maio che identifica ciò che De Mita in buona sostanza chiama fame di potere e questo i militanti 5 stelle lo stanno capendo ad ogni piè sospinto. Questa volta, per Napoli, è veramente difficile trovare il bandolo della matassa. Il problema è che per lo meno lo si dovrebbe iniziare a cercare invitando le migliori forze e menti progressiste e riformiste della città a mettersi insieme. Mai come questa volta occorre coesione tra le donne e gli uomini di buona volontà che hanno a cuore le sorti di Napoli. Penso, infatti, che questa volta siamo in una situazione veramente difficile, tutto si giocherà sulla maturità politica e sulla lungimiranza di una classe politica locale che spesso è stata distratta e lontana dalla città intenta solo al grande gioco delle poltrone. Mai come questa volta occorrerebbe che tutti facessero uno sforzo di Umiltà poiché le scelte da fare non possono stare sulle spalle di poche persone, questa volta il fardello è troppo grande! Chi non è consapevole di questo, e pensa di avere la verità in tasca è inaffidabile per Napoli e per i Napoletani che meritano di vivere in una capitale europea! Chi ha passione politica ed ama la città oggi soffre il tormento di non vedere la luce oltre il tunnel della stagione politica di De Magistris.

2 commenti su “Napoli come uscire Fuori dal Tunnel

  1. filorossoArt
    22 marzo 2021

    Non so chi sia Giuseppe De Mita ma da come analizza le cose che prospetti sue, pare sia un parente stretto del più noto Ciriaco de Mita, Da come descrivi Giuseppe De Mita, vedo la continuità della stessa linea politica. Ciriaco in principio lo vidi provinciale e un poco stolto, ma col frequentare le alte stanze del palazzo del potere, egli aggiustò il tiro diventando molto interessante la sua eloquenza. Lo ricordo nell’ultimo scontro-incontro con Renzi sul No al Referendum dell’Art 18, avvertendolo sul pericolo che sarebbe avvenuto ” sul dopo di lui Matteo” del quale lo metteva in guardia sul futuro prossimo, Non si baglò di molto l’On. Ciriaco De Mita, il secondo Matteo (Salvini) si rivelo una frana nazionale. Meno male che il referendum di Matte Renzi non passò. Forse anche grazie a Ciriaco De mita, rivelandosi una mente politologa interessantissima.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20 marzo 2021 da in Napoli.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: