Le Nomine e la Spartizione del Potere: Il Caso ASIA

Sulle nomine ho sempre avuto un approccio rigoroso dovuto al fatto che di questo strumento se n’è abusato poichè la politica ha sempre usato le partecipate, gli enti e le istituzioni pubbliche per piazzare “amici & parenti”. Oggi agli onori della cronaca cittadina la nomina in ASIA S.p.a., importante azienda di nettezza urbana del Comune di Napoli, che fattura circa 200 milioni di €. all’anno, della Signora Maria De Marco, la quale, ha scavalcato 43 candidati con curriculum kilometrici, per il sol fatto che ha in tasca la tessera di DEMA, la creatura politica del sindaco, la cui denominazione è tutto un programma. Su questo blog troverete molti articoli sulla mia battaglia di quando ero consigliere sulle nomine, giunta al culmine con l’approvazione di un regolamento sulle nomine che volli, scrissi e feci approvare usando tutte le forze di cui disponevo e di cui sono fiero. Rimando ai tanti articoli ma vi posso dire che il mio regolamento nasceva mettendo al centro il merito e le competenze, poi subì la mannaia della maggioranza capitanata dal Sindaco che voleva le “mani libere”. Orbene, le partecipate anche per De Magistris sono state e sono uno strumento di campagna elettorale e consenso. Ad ogni buon conto, grazie al mio regolamento oggi è possibile capire qual è stato il ragionamento che è sotteso anche all’ultima nomina della Signora Maria De Marco, per la quale su Facebook ho scritto un post che ha scatenato i tifosi del sindaco, in attesa di incarichi, venedo attaccato per essere stato duro, perché secondo i citati tifosi, spazzare le strade di Napoli, sarebbe una vergogna per una signora priva di titoli ed esperienza. Bene io credo che tutti i lavori onesti sono degni. Mio padre era un autista dell’ATAN, con la quinta elementare ed andava fiero del suo lavoro ed io di lui, non capisco come ci possa essere indignazione in questo. Comunque il post è questo: “Non ho dubbi, la Signora Maria De Marco, nuova presidente di ASIA Napoli, ha i titoli per venire essa stessa, ramazza in mano, a rimuovere i rifiuti per strada!”

Le domande retoriche:

Vi fareste Voi operare l’appendice infiammata da Maria de Marco?

Vi immaginate Voi Maria de Marco a trattare con le Banche per farsi dare una maggiore eleasticità nel credito?

Vi immaginate Voi Maria De Marco a studiare e redigere un piano industriale per ASIA?

Continuate voi con le domande …

Fatta questa premessa giudicate voi….

In questi link solo alcuni degli articoli a cui rimando con le dirette web del consiglio comunale da cui si capisce quale fu il grado dello scontro politico…

https://gennaroespositoblog.com/2012/06/03/proposta-di-regolamento-nomine-e-designazioni-del-comune/

https://gennaroespositoblog.com/2014/01/23/il-sindaco-opaco-ed-il-regolamento-sulla-trasparenza-delle-nomine/

 

 

Dubbi sulla nomina in ASIA tra politica e merito

IacotucciSono stato il promotore del regolamento sulle nomine nelle istituzioni, enti e società partecipate del comune di Napoli depositando le proposta in consiglio a giugno 2012 (clikka) e lottando due anni per farla approvare (clikka) con dei compromessi al ribasso perché Napoli purtroppo non è culturalmente preparata. Si conservano, infatti, vecchi criteri fondati sulla gestione del potere e sulla fidelizzazione politica.

A Milano per esempio il Regolamento (clikka) è fondato su una valutazione del merito e della competenza ed il relativo regolamento cerca di tenere fuori dalla porta le valutazioni squisitamente politiche nella nomina di manager che devono essere tali perché vanno a guidare società ed enti che muovono diverse decine se non centinaia di milioni di euro ed hanno anche migliaia di dipendenti.

Il 7 luglio scorso è stato nominato Francesco Iacotucci al vetrice di ASIA forse la società più importante del Comune di Napoli perché si occupa di igiene urbana. Ebbene la nomina è stata fatta in spregio del regolamento e del bando in quanto il nominato era dipendente del Comune di Napoli e quindi non poteva neppure partecipare al bando stesso. La cosa paradossale è che lo stesso nominato nella sua Domanda di partecipazione al bando del 23.06.2015 (clikka) fa espressa dichiarazione di non essere in condizione di incompatibilità con la carica e quindi di “non essere dipendente, consulente o incaricato del comune di Napoli” e successivamente lo stesso giorno (07.07.2015) in cui è stato nominato rassegna le dimissioni dal rapporto di impiego con il Comune di Napoli (clikka) in un settore tra l’altro nel quale svolgeva compiti di stretta attinenza e controllo sulla partecipata alla quale è stato nominato.

Già qualcuno può dire che è una questione formale ma dalle mie parti quando uno rende una dichiarazione ad una pubblica amministrazione ovviamente deve essere consapevole che deve essere veritiera altrimenti potrebbe incorrere in fattispecie di reato specifiche ed, inoltre, credo che per ragione di opportunità e per evitare conflitti di interesse, non si possa nominare in una partecipata uno che fino ad un minuto prima ha svolto compiti di controllo  sulla stessa partecipata, in quanto, se dovesse scoprire delle irregolarità ovviamente avrebbe tutto l’interesse a nasconderle per evitare sue responsabilità per omesso controllo. Altrettanto ovviamente la mia è una valutazione di principio dettata dall’influenza dei miei elementari studi del diritto!

Al fine di contribuire al buon andamento dell’amministrazione del Comune di Napoli ieri ho inoltrato specifica richiesta di annullamento in autotutela (clikka).

Il Mattino di Napoli (clikka)

I Napoletani ed il Contratto di Servizio ASIA

asiaHo già postato su questo blog il il contratto di servizio ASIA (clikka) con le sue belle 297 pagine tra testo contrattuale ed allegati tecnici, per il quale non ho ricevuto alcuna indicazione specifica (la democrazia e la partecipazione è faticosa). Alla fine mi sono studiato l’atto ed ho rinvenuto una serie di questioni che ho sollevato nella discussione: 1) inadeguatezza di alcuni servizi (spazamento e svuotamento cestini); 2) sistema di contestazione inadempimenti inadeguato; 3) potenziamento attività di vigilanza comunale; 4) la insoddisfacente attività di pulizia in alcuni quartieri, citando anche l’esempio di via tarsia.

Ho colto anche l’occasione per dire che la questione dei rifiuti e della pulizia della città è anche un fatto culturale di alcuni napoletani (con la “n” “minuscolissima”) esortando Sindaco ed Assessore all’Ambiente a fare una corretta “comunicazione sociale” dicendo chiaramente che i napoletani che gettano le carte a terra e sporcano la loro città senza rispettare le regole di conferimento sono degli zozzoni”. Noi di Ricostruzione Democratica alla fine non abbiamo partecipato al voto non ritenendo soddisfacente l’atto per i motivi che ho ampiamente spiegato nell’intervento. Consiglio di seguire l’intervento al quale non c’è stata una sostanziale risposta se non una replica tendente a sminuire le questioni sollevate che, per noi, invece restano essenziali.

Il mio intervento al 1:27:45

Vi presento il Contratto di Servizio ASIA

3-AsiaFinalmente, sarebbe il caso di dire, ecco il contratto di servizio dell’ASIA approvata con delibera del 14.10.13_743 (clikka) . Non l’ho ancora letta tutta (sono un bel po’ di pagine) ma credo che i cittadini attenti è bene che abbiano questa anteprima che poi verrà rimessa al consiglio per l’approvazione.  Giusto per ma per il Comune di Napoli è un evento storico. Ad ogni buon conto, e brevemente, io in Piazza del Gesù tutte le mattine assisto a questa scena: Spazzini ASIA in due in pausa caffè uno sull’uscio del bar e l’altro che gioca d’azzardo alle macchinette. Mentre assisto a questa scena, nella indifferenza di tutti i passanti titolati e non, mi attraversano due pensieri: 1) in ogni parte del cd. mondo civilizzato i cittadini si sarebbero indignati cronometrando la pausa ed inveendo contro i poveri malcapitati dipendenti/spazzini, noi, niente! 2) tutto sommato almeno uno dei due spazzini si sta autopunendo infliggendosi da solo la sanzione disciplinare, perdendo lo stipendio alla macchinetta. Ovviamente sono ben accetti consigli e commenti a quest’importante documento affinché ci si possa confrontare al meglio e possa portare le prime impressione dei cittadini nel consiglio comunale.

La lettera di Raffaele Del Giudice

Di seguito la lettera di Raffaele De Giudice di oggi (26.07.2012) su il Corriere del Mezzogiorno, dalla lettura della quale si apprendono molti dati utili. Raffaele nelle lettera fa appello al senso civico dei cittadini. Io ogni tanto, tra il serio ed il faceto (più serio) vado dicendo che dovrebbero mettersi dei cartelloni pubblicitari nei quali scrivere ad esempio “Strunz’ chi getta le carte a terra” o anche peggio  … ma  rischierei di trascendere. E’ ovvio che non penso di risolvere così tutti i problemi, però, io da qualche anno per evitare di andare in depressione con le crisi dei rifiuti, quando assisto ad un episodio di maleducazione  non mi faccio mai mancare l’occasione per riprendere il malcapitato. Certo, cerco di usare l’ironia per evitare di essere visto come quello che sale sul piedistallo, parlo, se è il caso (non sempre), in napoletano e cerco di entrare in comunicazione con le persone “scostumate”. L’ultimo episodio è stato ieri l’altro in via verdi qundo in compagnia dei consiglieri Molisso e Iannello, ho notato un gruppetto di signore (credo BROS) di cui una, abbastanza corposa, che si è preso il compito di asciugare0 la panchina dell’acqua (aveva piovuto) e poi ha gettao due fazzoletti a terra. A quest’atto ho detto subito: “Signò e che diavolo vi buttate le carte proprio nterra e pier vuost e llà ce stà o cestin”. Ovviamento l’ho detto con il sorrisetto e questa non ha potuto evitare di sorridere e rispondere “e che diavolo guardat’ propri’ a mme” ed io di rimando “e vvui state proprio annanze a me a chi lo devo dire”, a questo la signora coruplenta ha risposto “e vabbè avit’ raggion mo e pigli e e vaca a iettà” e li ha raccolti e buttati nel cestino. Dopo questa cosa non ho potuto fare a meno di dire: “bbrava v’aggia abbraccia” e me la sono abbracciata. A questa cosa anche Carlo Iannello ha detto: “BBrava” e la signora ha prontamente risposto ridendo: “Né ma mo me vulit’ abbraccià pure vuj”. Questo per dire e sperare che di strada ce ne da fare e che si può fare … Aspettiamo i cartelloni, anzi si potrebbe fare un concorso …

La lettera di Raffaele a cui non posso non dire Bravo!!

Caro direttore, la riflessione di Isaia Sales sulla «scomparsa degli spazzini», pubblicata dal Corriere del Mezzogiorno del 18 luglio scorso, stimola ragionamenti e chiede spiegazioni che è doveroso corrispondere. Tre aspetti del suo pensiero non mi convincono, sebbene non siano dirimenti. Non condivido il richiamo al passato, quale assetto ideale dell’azione di igiene urbana, come non condivido la critica alle società di gestione dei servizi pubblici, considerate un diaframma tra la buona volontà amministrativa e il generoso impegno del netturbino. L’una e l’altra affermazione hanno il loro rovescio: nel passato i netturbini erano «servi della gerba», taluno portatore di dignità e coscienza di classe, più spesso lazzari senza l’una e l’altra.
Anch’io ho conosciuto gli spazzini di quaranta anni fa, che salivano a piedi cinque piani di scale con la gerba sulle spalle per chiedere alle famiglie l’immondizia. Erano uomini (e solo uomini) abbrutiti dalla fatica, spesso analfabeti, mal pagati e che si ammalavano presto. Non ho nostalgia di quel tempo, anche se il processo di emancipazione di quei proletari è talora debordato negli eccessi sindacali ed in una malintesa «protezione sociale». D’altra parte, in tutto il mondo i servizi di igiene urbana sono offerti alle città da imprese specializzate. In Italia le gestioni dirette dei Comuni sono state superate, perché inefficienti, dispendiose e spesso condizionate da pratiche politiche non sopportabili. Le imprese pubbliche, magari nel Mezzogiorno, non hanno ancora acquisito il profilo di quelle del Nord del Paese, dove i servizi di igiene urbana sono abbastanza efficienti, efficaci ed economicamente sostenibili, ma questo è un punto di domanda da soddisfare con analisi e valutazioni specifiche, non certo preferendo il ritorno all’«assessore capo servizio» che comandava i netturbini secondo logiche, paternalistiche e politiche, di dubbia modernità. La terza considerazione, che osservo come poco convincente, è quella che rimette il senso civico, la responsabilità della tutela del bene comune e la difesa dello spirito di comunità unicamente nelle mani degli spazzini e della loro azienda. Una parte dei napoletani sporca la città, considerandola «di nessuno», così come parcheggia in tripla fila o irride a regole banali di civile convivenza. Gli spazi pubblici sono di nessuno, quindi si possono rapinare del verde, sporcare, degradare a piacimento. In attesa che questa parte di popolazione si ravveda, gli spazzini devono provvedere. È ovvio che devono farlo, ma non si può non denunciare l’alto livello di disamore che una parte rilevante della popolazione ha verso la propria città, perché Napoli non si sporca da sola.
Il tasso di educazione civica, di coscienza e di senso di appartenenza a una comunità è troppo basso, è evidente a tutti. Ma serve più impegno nel sollecitare le buone pratiche civili, sanzionare i disobbedienti cronici, incentivare i buoni comportamenti. Se si rinuncia a questo impegno culturale e civile, «in attesa» che le persone indisciplinate si ravvedano, non avremo mai spazzini e poliziotti a sufficienza. Ciò detto, il servizio di spazzamento della città è insufficiente, per quantità e qualità. La prima ragione per cui ciò accade è determinata dalla densità di popolazione per chilometro quadrato, che a Napoli è tra le più elevate del mondo. In un fazzoletto di terra risiedono e vivono un milione di persone di cui una parte, fortunatamente minoritaria, si libera dei rifiuti gettandoli per terra. Molta gente in poco spazio, quindi molti rifiuti gettati per terra e che si devono raccogliere. La gran parte delle vie del centro storico dovrebbe essere presidiata permanentemente da un servizio di spazzamento e rimozione, almeno per venti ore ogni giorno e magari da netturbini giovani, lesti nel lavoro ed avvezzi alla relazione con il pubblico. Non è ora possibile che questo accada, per la scarsità di risorse economiche e per l’impossibilità di assumere giovani. Il divieto di assunzioni e l’allungamento del tempo di lavoro per persone che avrebbero meritato la pensione, per le aziende pubbliche si traduce in un invecchiamento dei propri operai, talvolta logorati e molto anziani e, dunque, in una più bassa produttività. In numero, i nostri operai sono pochi (540 spazzini), molti (il17%) sono malati o limitati nelle mansioni, la loro età media è di 58 anni, di cui almeno trenta trascorsi sulla strada ad «alzare munnezza».
Asia sta cercando di meccanizzare il più possibile lo spazzamento delle strade, sia per risparmiare sul costo del lavoro che per generare più efficienza (abbiamo solo 22 spazzatrici meccaniche di cui molte in manutenzione e la manutenzione costa). Abbiamo redatto un piano di esodi incentivati di lavoratori esausti, ma non potremmo comunque sostituire gli anziani in uscita con giovani leve, a causa dei divieti della «spending review». Situazione imbarazzante, lo ammettiamo. Servirebbero più e migliori servizi e ogni giorno, però, siamo risucchiati dall’angoscia di assicurare quelli minimi, con pochi soldi ed enormi difficoltà organizzative. Il «piano per lo spazzamento» del 1999 prevedeva l’impiego di 1000 spazzini per pulire Napoli in modo efficace. Fino al 2002, in effetti, la città era servita da un numero sufficiente di uomini e risultava più pulita di quanto non lo sia oggi. Con le ricorrenti emergenze è accaduto proprio quello che tu hai notato e cioè che vi è stata una traslazione d’interesse, per la popolazione come per la politica, per il Comune e per l’Asia, tutti ossessionati dal liberare le strade dai sacchetti d’immondizia. Per la municipalizzata, la traslazione ha comportato la necessità di assegnare più uomini alla rimozione dei sacchetti, togliendoli ai servizi di spazzamento, poiché nuove assunzioni non si potevano fare. Nel 2001 gli addetti alla gestione dei rifiuti di Napoli erano 3.212 mentre oggi sono 2.489. Con l’avvio dei sistemi di raccolta differenziata «porta a porta» nel 2008, che richiedono più manovalanza rispetto allo svuotamento di cassonetti e campane stradali per la differenziata, il fenomeno di erosione degli spazzini è ancora più accentuato. Gli spazzini sono diminuiti mentre si fatica a mantenere in efficiente servizio il parco-macchine di pulizia di cui avremmo bisogno.
La situazione è, dunque, molto difficile soprattutto a causa delle risorse economiche insufficienti. In attesa di avere più soldi, per finanziare la meccanizzazione dei servizi di igiene e per incentivare la quiescenza di maestranze anziane (sperando di poterle sostituire con un po’ di giovani, ragazzi e ragazze) stiamo cercando di riparare con interventi a basso costo (più capienti cestini da disporre nelle vie, premi incentivanti la produttività individuale e la riduzione di costo dell’orario straordinario, più programmi di educazione nelle scuole, miglior impiego delle spazzatrici ora attrezzate anche per il lavaggio delle strade…), ma certo servirebbe molto di più. Per questo, se ogni napoletano evitasse di lasciare a terra una delle dieci cartacce che «normalmente» getta al suolo, il beneficio per tutti sarebbe immediato, visibile e, soprattutto, gratis. Poi la città deve essere pulita dagli spazzini, non vi è dubbio. Ma non si deve rinunciare mai a chiedere un poco di collaborazione. Non costa nulla e tutti ne guadagneremmo.
* Presidente di Asia

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: