Il Consumo di Alcool nei minori. Intervengano le Scuole

La quantità di bottiglie che si rinvengono la mattina nei luoghi della cod. Movida Molesta Napoletana mi ha sempre impressionato e, credo che impressioni anche Voi. Diciamo che il sospetto che vi sia un abuso, tra i minori, di sostanze alcoliche con i cicchetti, di pessima qualità, venduti a uno o due €. non fa ben sperare, se uniti alla quantità di bottiglie di birre, vino e di superalcolici che si rinvengono nelle nostre piazze e strade. Il Mattino di Napoli ha fatto una inchiesta che non lascia presagire nulla di buono riferendo che ogni giorno almeno due ragazzi vengono trasportati in ospedale in coma etilico (clikka) e che specialmente i minori sono vittima dell’abuso di alcol (clikka) . Mi sarei aspettato una presa di posizione dell’ASL e del Provveditorato Regionale e Provinciale agli studi ed, invece, il nulla totale come se Il Mattino di Napoli  avesse scritto “panzane” o peggio come se questa situazione sia ineluttabile. Ovviamente non me ne capacito e penso che occorre intervenire per lo meno per capire.

In Islanda (clikka) hanno avuto lo stesso problema e l’hanno affrontato, innanzitutto, studiando la dimensione del fenomeno attraverso la somministrazione, nelle scuole, di un questionario, per poi mettere in campo delle politiche volte ad arginarlo.

I nostri giovani sono il nostro futuro ed è assurdo che nessuna mente illuminata dei nostri Politici ed Amministratori si sia posto il problema, come se fare politica significhi solo ed esclusivamente fare i propri interessi non quelli pubblici o collettivi  ed allora meglio avere cittadini storditi sin da adolescenti si venderanno più facilmente il loro voto e penseranno anche loro che il destino della nostra città è ineluttabile!

In ogni caso non venitemi a dire che non siamo in Islanda e che l’Islanda ha la dimensione del nostro quartiere Vomero, perché non ci sto! Questa è una battaglia che è volta alla tutele della salute, della vivibilità e del futuro della nostra città.

Per fortuna mi sono messo a cercare sul web e con soddisfazione ho trovato che lo stesso problema se l’è posto il Convitto Nazionale di Arezzo, sul cui sito ho rinvenuto un ottimo questionario, che, come al solito, non ho fatto altro che adattare alla nostra città inserendo qualche altra domanda sulla scorta della esperienza Islandese. Ora con il Comitato per la Quiete Pubblica Napoletana e la Vivibilità Cittadina, che presiedo, ci siamo posti l’obiettivo di convincere i nostri Dirigenti Scolastici delle scuole medie superiori di somministrarlo ai ragazzi.

Lo offro anche a Voi tutti, è una bozza, credo abbastanza definitiva, e Vi chiedo di aiutarci a diffonderlo ed a presentarlo nelle scuole:  Questionario Consumo di Alcol tra i Giovani (clikka).

 Ringrazio pubblicamente il Convitto Nazionale di Arezzo (che ho contattato) complimentandomi ancora una volta con loro. Spero di complimentarmi presto anche con qualche istituzione scolastica napoletana!

L’immagine è della Fontana di Monteoliveto, frequentatissima da adolescenti e posta davanti alla Caserma dei Carabinieri Pastrengo, possibile che mai nessuno si sia chiesto chi si “scola” le tante bottiglie che poi vanno puntualmente a finire nella fontana, deturpandola indegnamente?

Il Discorso di Pericle ai Napoletani

Recentemente, in un anfratto dell’isolotto di Megaride, è stato rinvenuto uno scritto storico di rilevantissimo valore archeologico che, per ragioni incomprensibili, è stato distrutto immediatamente, appena giunto nelle mani del Sindaco, il quale, si racconta, l’abbia addirittura mangiato. A me è giunta solo una copia ed un brandello, neppure troppo grande che ne conferma l’esistenza. Ebbene, lo scritto racconta che Pericle ha vissuto qualche tempo a Neapolis ed ebbe modo di fare ai Napoletani lo stesso discorso che fece agli Ateniesi … seppure con qualche piccola differenza.

Discorso di Pericle ai Napoletani:

“Qui a Neapolis noi facciamo così.
Qui il nostro governo favorisce i pochi invece dei molti e lo stesso viene chiamato democrazia.

Qui a Neapolis noi facciamo così.
Le leggi qui, solo in astratto assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private. Noi ignoriamo sempre i meriti e l’eccellenza. Vanno avanti solo i nostri amici.
Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà invitato a farsi da parte, egli non sarà chiamato a servire lo Stato perché altrimenti dal confronto si vedrebbero tutte le nostre pochezze, e la povertà, in ogni caso, costituisce un impedimento.

Qui a Neapolis noi facciamo così.
La libertà di cui godiamo è solo una illusione siamo costantemente impediti a fare ciò che vogliamo e non ci ribelliamo; noi siamo sospettosi l’uno dell’altro ed infastidiamo il nostro prossimo, ci piace vivere a modo nostro fino a quando non incontriamo uno più forte di noi.
Non siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e siamo sempre pronti ad evitare di fronteggiare qualsiasi pericolo.
Un cittadino napoletano trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private, sempre!

Qui a Neapolis noi facciamo così.
Ci è stato insegnato di non rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di non rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo voltarci dall’altra parte se qualcuno riceve un’offesa in nostra presenza, noi stiamo attenti a farci i fatti nostri!
E ci è stato anche insegnato di non rispettare soprattutto quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso, vige la legge del più forte, ed ognuno fa quelli che gli pare, fino a quando non incontra uno più forte di lui, nella consapevolezza che lo Stato non lo punirà mai.

Qui a Neapolis noi facciamo così.
Un uomo che non si interessa allo Stato è meritevole e quando va a votare lo premiamo anche con 50 dracme, egli è utile al sistema e benché pochi sono in grado di dare vita ad una politica, tutti qui a Neapolis sono in grado di giudicarla a secondo del “posto” o delle 50 dracme.
Noi consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.
Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà di ognuno di fare quello che vuole anche e soprattutto a scapito degli altri.

Insomma, io proclamo che Neapolis è la scuola Partenopea e che ogni napoletano cresce sviluppando in sé una infelice versatilità per tirare a campare, la sfiducia in se stesso e negli altri, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero, li accogliamo e li facciamo vivere in condizioni ignobili come e peggio delle bestie.
Qui a Neapolis noi facciamo così”.

Spero che Pericle non si stia rivoltando nella tomba …

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: