Follia al Centro Storico di Napoli

Da tempo dico che non è più possibile andare aventi così, il senso di impunità ha raggiunto livelli di guardia che spingono persone a compiere atti nella consapevolezza (sbagliata) di restare impuniti. Gli agenti delle FF.OO., ieri sera, in Piazza Trieste e Trento, davanti allo storico bar Gambrinus, hanno dovuto usare le armi per fermare il folle sparando nelle ruote dell’auto. E’ da tempo che dico che a Napoli c’è un grosso problema di Autorevolezza delle Forze dell’Ordine che va recuperata al più presto!

Quartiere Sanità: Ci mettiamo sempre la faccia

Ieri sera al Quartiere Sanità ci abbiamo messo la faccia! Un quartiere bello e complicato. Penso che siamo stati gli unici ad andare a fare un comizio per parlare delle elezioni amministrative di Napoli alle quali, insieme ad altri 16 splendide persone, del gruppo vivibilità, sono candidato. La sensazione è di abbandono totale da parte delle istituzioni, così come nei Quartieri Spagnoli (dove abbiamo fatto un altro comizio), ma ancora peggio; così al Vasto e nelle periferie. Ancora una volta a rimetterci sono i più piccoli, i nostri bambini, che non hanno uno spazio idoneo alla loro crescita, ma addirittura pericoloso e nocivo. Parlare di diritto alla salute, alla casa vivibilie ed alla tutela dell’ambiente, in una parola, parlare di Diritti Umani, in questi luoghi è un obbligo per chiunque voglia amministrare Napoli. Ieri, auto e scooter che sfrecciavano ovunque, compresi i marciapiedi, mentre noi ci alternavamo a parlare, un rumore assordante che si sentiva nel petto. Alcuni genitori ci hanno detto che hanno paura a lasciare i loro figli camminare per la piazza per il pericolo di essere investiti, in casa devono poi chiudersi dentro per trovare un po’ di pace. La sensazione è di un quartiere dove non ci sono regole, dove ognuno fa quello che vuole, come vuole senza alcuna considerazione dei diritti degli altri. Un quartiere cresciuto con l’insegnamento della Camorra, dove vige la legge del più forte, dove i più deboli devono subire in silenzio. Il nostro mantra è “La Città a Misura di Bambino”, con l’obbligo di declinare ogni atto ed azione amministrativa con questo obiettivo!

La mortificazione ci ha colpito forte in faccia quando una donna anziana ci ha detto: “O vulit’ o vot’ mio? m’avita ra’ 100,00 €. Ia famiglia mia è gross’!” (Lo volete il mio voto mi dovete dare 100,00 €. la mia famiglia è grande). Mi fermo qui!

Ringrazio i nostri nostri candidati che ci stanno mettendo con me la faccia e mi stanno dando una forza incredibile! Grazie di Cuore!

NON HO MAI FATTO MANCARE LA MIA VOCE

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: